sito ufficiale
Gabriele Sannino
BIOGRAFIA LIBRI ORDINA IL TUO LIBRO VIDEO ARTICOLI EVENTI FOTO CONTATTI
STAMPA
I partiti sono tutti morti



Come definireste un'azienda che non ha MAI fatto bene il suo lavoro e che ora non produce piu', demandando la produzione ad un'altra azienda e prendendosene pure i meriti, magari andando perfino in tv a straparlare del nulla o quasi?
Io la definirei un'azienda fallita.
I partiti italiani - di destra e sinistra, sia chiaro - sono aziende pubbliche finanziate con i nostri soldi - e che soldi, visto il caso del "tesoriere" della Margherita Lusi e i suoi futuri sviluppi! - aziende che hanno demandato il "lavoro sporco" ad un governo tecnico, lavoro che consiste semplicemente nel tagliare a piu' non posso qualunque cosa pur di pagare il famigerato debito pubblico con tanto di interessi.
I partiti politici sono legati al consenso popolare, al voto di scambio e a tutte le lobby dentro e fuori al parlamento, e si sono messi volutamente da parte proprio per poter permettere il grosso dei "sacrifici" a questi tecnici.
Perfino uno dei tecnici si e' messo a piangere di fronte a tale tragicomica situazione!
Ad ogni modo, queste "associazioni delle chiacchiere e degli interessi personali" continuano a farsi sentire, cio' per convincere ancora qualche connazionale un po'... ingenuo che "esistono": naturalmente lo fanno perche' tra un po' ci saranno le elezioni amministrative, e quale test migliore di questo per sondare i consensi in modo da decidere la successiva strategia mediatica da adottare?!
Come paguri insomma, i partiti ora si nascondono dietro ad un consesso di tecnici ora vengono fuori, magari urlando alla luna per poi tornare a nascondersi fingendo di fare opposizione come accade oggi e probabilmente e' sepre accaduto.
Gli attuali partiti di destra e sinistra prendono spesso le distanza da questo governo tecnico: la loro e' una tecnica di sopravvivenza, ma quanto puo' essere credibile tutto questo anche agli occhi dell'italiano... molto medio e teledipendente?
Anche quest'ultimo, infatti, si rendera' conto che si tratta sempre degli stessi uomini al timone e che nulla e' cambiato sotto al sole... tranne le chiacchiere!
Almeno me lo auguro.
Siamo vittime perenni delle immagini dei politici, della loro forma mentis, dei loro limiti, dei loro pensieri cosi' interessati e limitati.
Ma chi li ha scelti davvero qeusti signori? Nessuno!
Si scelgono da soli.
Per rinnovare davvero questo paese, quindi, non basta un governo di tecnici, bisogna sfollare sin da subito tutti questi partiti cambiando le persone e soprattutto le menti, e favorendo una maggiore liberta' di pensiero a tutti i componenti di ciascuna organizzazione, in quanto solo un partito che discute ma che poi sintetizza e decide e' un partito sano, mentre in un partito dove non c'e' dialettica - o ce n'e' una finta! - si assiste solo ad un sistema di plastica o un'appendice di un uomo solo al potere.
La legge elettorale attuale blocca proprio la riforma delle riforme, il cuore pulsante della democrazia, vale a dire questa possibilita' di scelta CONCRETA: il fatto poi che la Corte Costituzionale abbia bocciato pure la richiesta di referendum in tal senso e' a dir poco sconvolgente, in quanto se si aspettano i tempi politici qui si richia davvero lo stato di polizia che ci accingiamo gia' ad essere!
Le prossime elezioni amministrative saranno devastanti per questi partiti del nulla: tutti lo sanno, anche loro, ci sara' un crollo di consensi mai visto!
Ma in questo paese, ovviamente, niente cambiera', cio' semplicemente perche' LORO vogliono sempre e solo restare al potere, costi quello che costi.
Questo ci dice una cosa sola: siamo in dittatura, la dittatura dei partiti e delle loro componenti.
Una volta capito cio', l'unica cosa che ci resta da fare come cittadini e' chiedere con forza e determinazione il ripristino di una democrazia REALE.
Siamo in una finta democrazia composta da due partiti che si fanno una finta guerra e che si mettono d'accordo sottobanco per tutte le cose veramente importanti.
Prima si capisce tutto questo, prima saremo un paese realmente libero.




...

Gabriele Sannino
Privacy
Sito web ottimizzato per IE 8 - Realizzato da Soluzione Programmata-