sito ufficiale
Gabriele Sannino
BIOGRAFIA LIBRI ORDINA IL TUO LIBRO VIDEO ARTICOLI EVENTI FOTO CONTATTI
STAMPA
L'unica via d'uscita dalla crisi economica



In Grecia i poveri non si contano piu': le mense caritatevoli sono piene, a pranzo come a cena, e la gente se la prende con la BCE, il Fondo Monetario Internazionale e i politici greci, che hanno permesso un tale scempio sociale e finanziario.
Nella patria per eccellenza della democrazia, l'estrema destra come l'estrema sinistra stanno prendendo sempre piu' piede, cio' peche' i partiti tradizionali di centro-destra e centro-sinistra non sanno piu' come affrontare una simile disfatta .
Il default della Grecia non e' piu' una questione di "se" ma di "quando": basti pensare che banche e governi stanno gia' facendo simulazioni post-scenario per poter ammortizzare il colpo nel miglior modo possibile.
L'Italia, dal canto suo, ha prestato al paese ellenico - dopo lo scoppio della crisi - ben 3,9 miliardi di euro attraverso l'acquisto di titoli di stato da parte di banche e privati, e stando agli ultimi documenti governativi in merito, i miliardi oggi ammonterebbero addirittura a 6,1!
Nel frattempo, il popolo greco ha capito a cosa si andra' incontro, e si sta recando in massa agli sportelli bancari per ritirare i propri soldi dai conti: ritirando Euro, infatti, essi sperano di poterci guadagnare qualcosa dal cambio quando ci sara' il ritorno effettivo alla dracma.
La crisi bancaria, dunque, potrebbe trasformarsi in una vera e propria crisi a catena, cio' perche' il panico, come la storia insegna, e' molto contagioso in questi casi, e le masse potrebbero farsi prendere piu' facilmente dalla paura e dallo sconforto.
Quando la Grecia andra' in default - al massimo dopo l'elezione del burattino Obama, alias il politico piu' potente della Terra ma meno influente di una qualsivoglia banca d'affari - ci saranno scene di panico in tutta l'Eurozona, e non solo: tutto questo i politici lo sanno bene, ecco perche' tengono i paesi e le popolazioni in perenne coma farmacologico.
Tutto cio' fa paura perfino a loro, ai banchieri - non alle banche di emissione, quelle sono sempre felici e contente! - in quanto gli investitori di tutto il mondo potrebbero disertare definitivamente l'Europa - in particolare i paesi mediterranei come Spagna, Grecia, Italia - e quindi il contagio s estenderebbe a macchia d'olio.
Pertanto, se non si salta subito, cio' che accadra' sara' identico a quello che sta gia' accadendo da mesi nel paese ellenico: l' economia, in buona sostanza, si inginocchiera' definitivamente di fronte al "finto debito pubblico" e ai suoi "finti interessi", e cio' fino a che tutti noi non mangeremo alle mense pubbliche e perderemo le nostre case.
Vi sembra apocalittico?
Allora svegliatevi: l'unica soluzione per uscire definitivamente da questa crisi PLANETARIA e' chiedere la sovranita' monetaria dei popoli, in modo da non dover piu' acquistare il denaro dalle banche centrali emettendo come controprestazione - per giunta - titoli di stato che altro non sono che "cambiali" allo stato puro.
Monti non ci concedera' mai la sovranita' finanziaria, lo so: lui, l'uomo delle banche per eccellenza, non potrebbe mai e poi mai liberare i popoli dalla tirannia finanziaria mondiale!
Dobbiamo essere noi, pertanto, a generare questa richiesta, e anche se i media non ne parlano MAI e continuano a divertirsi e a sguazzare nella crisi puntando il dito solo sulla "casta" e godendo del loro volgarissimo share nonche' del nostro grado di stupidita' e ignoranza, dobbiamo essere noi - che ci divertiamo sempre meno! - a chiedere in massa un cambiamento cosi' epocale.
L'unico modo per uscire da questa crisi economica e' liberarsi proprio dalla zavorra dei banchieri, che sono illegittimamente proprietari di una moneta che dovrebbe appartenere per diritto alle popolazioni.
L'Euro, in sostanza, dovrebbe essere creato dagli Stati e diviso tra le sue popolazioni: una democrazia senza sovranita' monetaria - e' questa la verita' ultima, Signori miei! - e' solo una colossale presa per i fondelli.
Noi non siamo mai stati in Democrazia: il "potere al popolo", diventa solo uno stupido slogan se non siamo proprietari delle nostre divise.
Dunque, prima ce ne accorgiamo, prima cominceremo ad uscire per sempre da questa tragedia "greca"... tragedia finta ma soprattutto voluta che ci aspetta tutti dietro l'angolo, e che non fara' sconti proprio a nessuno.






...

Gabriele Sannino
Privacy
Sito web ottimizzato per IE 8 - Realizzato da Soluzione Programmata-