sito ufficiale
Gabriele Sannino
BIOGRAFIA LIBRI ORDINA IL TUO LIBRO VIDEO ARTICOLI EVENTI FOTO CONTATTI
STAMPA
Fuori i partiti dalle banche... e viceversa!



L'ennesimo scandalo finanziario Monte dei Paschi risulta incomprensibile alla maggior parte dei cittadini, questo perche' non solo siamo in piena campagna elettorale - dunque bisogna dire e non dire e strumentalizzare, ma fino a un certo punto - ma soprattutto perche' se la gente onesta capisse sulserio certi meccanismi... svuoterebbe i caveau delle banche nel giro di 24 ore!
Si parla di derivati, acquisti di banche a prezzi esorbitanti... di cosa si tratta esattamente?
Per capire - anzi assimilare - l'ennesimo intreccio politico-finanziario dopo tangentopoli, il crac Cirio, Parmalat e via dicendo bisogna capire una cosa fondamentale e cioe' che le banche sono "ostaggio" ormai della cosiddette fondazioni bancarie, alias - parafrasando wikipedia - delle persone giuridiche miste pubblico-private create con la legge delega Amato-Carli nel 1990, con finalita' collettive e di utilita' generale.
Con la riforma Ciampi-Amato nel 1999 esse dovevano occuparsi solo di settori giudicati no-profit, dunque potevano erogare denaro a questi settori oppure fare impresa. La novita' e' che furono soggette al diritto privato e non piu' al diritto pubblico.
Le riforme successive hanno ribadito questo regime giuridico privatistico, e pian piano le fondazioni, con le loro quote azionarie, hanno iniziato a controllare l'intera o quasi attivita' creditizia della banca "conferita", attraverso consigli di amministrazione fatti da politici che lavoravano non piu' per il benessere del territorio - la banca dovrebbe fare questo, se ci pensate bene - ma per il benessere del partito o di vari faccendieri.
Diciamo che il sistema attualmente e' cosi' farraginoso e complicato... che fa comodo un po' a tutti.
Tranne quando scoppiano gli scandali ovviamente, anche se non ci giurerei. Almeno non per tutti.
Attualmente, si deve capire perche' Monte Paschi abbia acquistato a prezzi esorbitanti Antonveneta - forse per coprire altri buchi di bilancio? - perche' o per conto di chi i manager - o dovremmo chiamarli magnager - rubassero mettendosi d'accordo sulle percentuali da sottrarre alla banca, e perche' infine l'istituto si e' messo a giocare d'azzardo con i derivati forse per riuscire a racimolare sui vari casino' internazionali i soldi che le mancavano.
Purtroppo - precisiamolo - giocare d'azzardo per le banche non e' illegale, purche' queste operazioni appaiano nei conti.
L'intreccio mortale che dunque bisogna sciogliere e' proprio quello tra fondazioni e partiti, intreccio che - se avessimo un'informazione CHIARA e CORRETTA - spiegherebbe a tutti noi cittadini che non conviene proprio a nessuno, neanche a loro, in quanto non solo ci si puo' scottare come sta facendo ora il PD - ma tanto nessuno va mai in galera, e' questo il problema! - ma soprattutto perche' in questo modo le banche perdono di vista proprio il territorio, in virtu' di logiche completamente avulse alla realta' e aliene ai cittadini.
Piuttosto, le fondazioni bancarie dovrebbero avere portafogli diversificati che non consentirebbero loro alcun controllo diretto di nessuna banca conferitaria.
Le banche, infatti, grazie alle fondazioni, perdono perfino i capitali in quanto gli investitori privati, consci del sistema e della gestione, ci pensano mille volte prima di mettere i propri soldi in quella determinata banca!
Ma c'e' anche il rovescio della medaglia alias le banche - il mondo finanziario, ma quello apicale - che e' presente nei parlamenti per portare avanti i propri interessi internazionali.
Mi riferisco a Mario Monti e al fatto di essere il cameriere perfetto... al servizio dell'alta finanza.
Personalmente - sono d'accordo con Tremonti - mi auguro che con le sue percentuali neanche entri in parlamento!
La separazione tra banca e politica, dunque, e' un qualcosa che non e' piu' rinviabile: i loro inciuci, infatti, stanno letteralmente distruggendo la nostra democrazia e svuotando i nostri portafogli.
Prima ce ne accorgiamo, prima ci libereremo di questo terribile e angoscioso cancro sociale.

Fonte: wikipedia, la voce.info




...

Gabriele Sannino
Privacy
Sito web ottimizzato per IE 8 - Realizzato da Soluzione Programmata-