sito ufficiale
Gabriele Sannino
BIOGRAFIA LIBRI ORDINA IL TUO LIBRO VIDEO ARTICOLI EVENTI FOTO CONTATTI
STAMPA
L'America ormai e' senza vergogna



La propaganda dei "mezzi di distrazione di massa" posseduti in blocco dalla finanza internazionale - che tiene in ostaggio, ormai, anche molte democrazie nel mondo, compresa la nostra Italia - non ha piu' limiti: mi riferisco in particolare a tutte le messinscene che in questi giorni stanno sobbalzando sugli schermi televisivi di molte nazioni, e che avranno di sicuro gia' convinto il telespettatore medio circa l'intervento in Siria e la bonta' dell'America "salvatrice del pianeta".
La BBC - una delle principali tv inglesi seguite in tutto il mondo - ha trasmesso un'immagine per piu' ore e in piu' notiziari dove si mostrano file di cadaveri avvolte in lenzuola bianche e ordinati in righe, mentre alcuni bambini si divertono a correre e a saltare tra i corpi: una cosa macabra, si dira', peccato che la foto fosse stata scattata da un fotografo italiano - un certo Marco di Lauro - che su facebook ha gridato allo scandalo... asserendo che quella foto non apparteneva alla Siria, ma era frutto di un suo vecchio reportage fatto in Iraq nel 2003!
La cosa pazzesca in tutta questa storia e' che non solo i media italiani si sono ben guardati dal dirlo - e come possono, sono incatenati, eppure la cosa ci riguarda eccome! - ma la stessa BBC non ha avuto neanche l'ardire di cancellare il nome del fotografo stampato al centro della pagina, cosa che ha messo subito sull'attenti l'interessato.
Il Segretario di Stato USA John Kerry ha subito aprofittato della succulenta notizia inglese, mostrando la foto alle tv americane senza alcun ritegno: il sospetto di chi vi scrive, naturalmente, e' che gli americani - quelli teledipendenti - probabilmente non verranno mai a sapere la verita', anche perche' Marco di Lauro, almeno fino a questo momento, ha potuto - ahime' - gridare la sua verita' solo attraverso i social network.
Ma torniamo alle armi chimiche: come si sa, Obama e Hollande, incuranti dei rispettivi popoli che non vogliono l'intervento - la prova questa che rispondono ad altri poteri, non certo all'investitura popolare come molti ingenui ancora credono! - vogliono, come si sa, un intervento militare, possibilmente rapido.
Secondo "Obama Sachs", la strage "chimica" del 21 agosto non deve piu' ripetersi, dunque bisogna fare la guerra per portare la pace. Orwell insegna!
Peccato che non solo le vittime "urlate" da Obama non siano tante quanto lui asserisce, ovvero 1400 - questo perche' smentito da Medici senza frontiere, che e' li' da molto piu' tempo e che parla di un numero di vittime intorno alle 350 - ma la cosa ancora piu' grave e' che un corrispondente estero del Giornale, Gian Micalessin, si trova proprio nella localita' denominata Jobar dove sarebbero state usate le famose armi chimiche: ebbene, li' nessuno sa nulla di questa storia, ne' civili ne' militari!
La domanda allora resta solo una: dove sono state usate davvero queste armi chimiche? Se e ripeto se sono state usate... come e' possibile credere che sia stato Assad e non gli stessi ribelli armati dall'estero, e perfino di nazionalita' non siriana, alcuni addirittura legati ad Al-Qaeda?!
Davanti a questo teatrino, quindi, come si fa a non pensare al ruolo dei soliti servizi segreti americani, israeliani e sauditi in cerca del casus belli?
Insomma, chi volete prendere in giro?
Ma la domanda piu' interessante, a mio avviso, e' proprio questa: non vi viene proprio mai il dubbio a questo punto che l'America... crei appositamente organizzazioni criminali "ribelli" (proprio come Al-Qaeda) pur di legittimare le sue guerre di conquista in tutto il mondo?
Siamo arrivati al punto che i media americani - dipendenti anch'essi dai poteri forti, naturalmente! - hanno mostrato una foto di un gruppo di bambini con dei cartelli... con su scritto "liberateci da Assad e dalle armi chimiche".
Parliamo di poveri bimbi siriani che neanche lo conoscono l'inglese, ma che esibiscono - guarda caso - cartelli perfettamente scritti in lingua e dal messaggio profondamente chiaro per la "comunita' internazionale".
Perfino i militari americani si stanno ribellando in massa all'intervento siriano: molti di loro, infatti, si sono mostrati su internet con delle foto non riconoscibili e dove si vede un cartello che recita "non combattero' insieme ad Al-Qaeda contro l'esercito siriano".
Insomma, capite a che punto siamo arrivati? Capite quante STRONZATE ci propinano ormai almeno dal 2001?
La cosa piu' indicibile e' che gli stessi burattini della finanza - Obama, Cameron, Hollande ecc - si sono gia' "scoperti" nelle pieghe delle loro stesse dichiarazioni: Cameron, infatti, sostiene che "ci saranno altri attentati chimici "- be' certo, li avete armati fono al midollo questi "ribelli"! - mentre Hollande fa sapere che "non rispondere con le armi manderebbe all'Iran" - il vero obiettivo! - "un messaggio di paura e immobilita'".
Insomma, qui Signori miei bisogna ribaltare completamente certe convinzioni a cui eravamo stati abituati a credere.
I media non possono essere credibili, semplicemente sono troppo coinvolti.
Paradossalmente, la vigilia di una terza guerra mondiale potrebbe risvegliare piu' di qualche coscienza ipnotizzata.
Mah, e' quello che tutti speriamo, in fondo...

Fonte immagini: Google





...

Gabriele Sannino
Privacy
Sito web ottimizzato per IE 8 - Realizzato da Soluzione Programmata-