sito ufficiale
Gabriele Sannino
BIOGRAFIA LIBRI ORDINA IL TUO LIBRO VIDEO ARTICOLI EVENTI FOTO CONTATTI
STAMPA
La TV mezzo di ipnosi di massa



Il distacco della tv dalla realta' e' talmente patente che solo un teledipendente incallito non se ne puo' piu' accorgere.
Le notizie frammentate senza nesso, le amenita' dilaganti, le tecniche distraenti nonche' la censura di temi realmente importanti che aiuterebbero a "mettere insieme i puntini" su molteplici situazioni, sono solo alcune delle caratteristiche che piu' contraddistinguono questo mezzo di disinformazione di massa, pilotato e strumentalizzato dalla finanza - soprattutto - ma anche dall'oligarchia politica sua diretta emanazione.
Insomma la tv puo' essere definita ormai a pieno titolo il "contapalle di tutte le nazioni del Pianeta": basti pensare a quanto tempo ci hanno messo per ammettere che c'era una crisi economica in Italia e nel mondo - il sistema voleva continuare a indebitare per controllare, ecco tutto - e a quanto ora ci rimbambiscano con una ripresa che non e' assolutissimamente possibile, visto il default del sistema gia' avvenuto... proprio per via di tutti i finti debiti che sono stati creati ad hoc!
A ogni modo, oltre alla propaganda (ovvero una versione edulcorata - quando va bene - o completamente falsata della realta') vi si riscontrano oggi nello strumento televisivo - e' qui il bello! - anche dei patetici tentativi di contro-informazione, cosa che in realta' si traduce col dire tutto e il contrario di tutto, mantenendo lo spettatore nell'ignoranza proprio come lo era prima.
Insomma, le solite tattiche, niente di nuovo sotto il sole.
Il compito della tv, quindi, sembra proprio essere quello di non voler creare una reale consapevolezza sui fatti del mondo, distraendo - nel migliore dei casi - oppure spaventando a tal punto da far desiderare dei cambiamenti peggiorativi anche contro la stessa volonta' dei cittadini.
E' il meccanismo che in gergo viene definito "problema-reazione-soluzione", alias un metodo di "conquista del consenso" che si riflette in politica, in economia e in tutti i fenomeni sociali, attuato quando si vuole aumentare il controllo e/o centralizzare potere e decisioni.
Insomma la televisione, con il suo pensiero unico, e' l'altoparlante per eccellenza dei poteri forti. Basti pensare anche a come i telegiornali parlino delle guerre in Iraq e Afghanistan, oppure come trattino ancora l' "attentato" dell'11 settembre per capire quanto esse siano controllate e dipendenti dal "sistema" che le tiene in piedi economicamente.
E' per questo che l'attore comico e scrittore Groucho Max affermava di trovare la televisione davvero istruttiva, nel senso che ogni volta che qualcuno l'accendeva... se ne andava in un'altra stanza e leggeva un libro!
Purtroppo oggi capita esattamente il contrario: l'uomo comune e' talmente soggiogato dai telegiornali, dai talk show e dai programmi senza alcun contenuto ne' spina dorsale che alla fine si assuefa e smette di pensare e porsi domande. Insomma, lascia che il sistema pensi per lui.
Mi duole dirlo, ma la tv oggi rispecchia esattamente il livello cognitivo di moltissimi italiani, e non solo: parliamo infatti di veri e propri zombie talmente addentro al "tunnel" da non riuscire piu' a vedere la luce.
Del resto, argomenti di contro informazione VERA come Signoraggio, Scie Chimiche, OGM, Ufologia, Massoneria finanziaria/deviata, terrorismo e via dicendo sono o del tutto ignorati e cancellati dai palinsesti o al massimo banalizzati. E questo non e' un caso.
Poche sono le emittenti televisive - per lo piu' locali - che affrontano certe tematiche in modo serio, e quando lo fanno, suscitano piu' incredulita' che altro visto il continuo bombardamento di "cazzate" che si registra sulle emittenti televisive cosiddette mainstream.
Insomma, la tv si conferma lo strumento di ipnosi di massa per eccellenza, strumento che deve indicarci come vivere, cosa comprare, cosa desiderare ma soprattutto cosa pensare.
Sentirsi liberi in un sistema del genere, specie se si da' la minima credibilita' a questa "scatola vuota", significa essere pienamente vittime di una schiavitu' psicologica a dir poco sottile ma molto piu' concreta di quanto si possa pensare.

Fonte dati: rivista Nexus n.106
Fonte immagini: Google.



...

Gabriele Sannino
Privacy
Sito web ottimizzato per IE 8 - Realizzato da Soluzione Programmata-