sito ufficiale
Gabriele Sannino
BIOGRAFIA LIBRI ORDINA IL TUO LIBRO VIDEO ARTICOLI EVENTI FOTO CONTATTI
STAMPA
Lunga vita ai Paperoni di Bruxelles



Il Parlamento Europeo, come si sa, e' l'unica istituzione eletta a suffragio universale dai cittadini europei ogni 5 anni. Le sue funzioni principali sono tre, quella di discutere e approvare le normative europee (proposte dalla Commissione) insieme al Consiglio, controllare le altre istituzioni - in particolare l'insediamento della nuova Commissione che, pero', puo' essere respinta solo nel suo insieme - nonche', infine, discutere e approvare il Bilancio dell'Unione sempre in contumacia col Consiglio Europeo (quest'ultimo composto dai Capi di Stato e di Governo, con la specifica funzione - a parole - di indirizzo generale e visualizzazione degli obiettivi).
Nei fatti, quindi, chi comanda sono i 28 Commissari (uno per ogni nazione) che propongono le leggi e i cui componenti - ahime' - sono scelti dal Presidente della stessa tra i candidati presentati dai governi delle singole nazioni. Poca cosa, quindi, spetta al Parlamento, che dovrebbe essere il perno decisivo dell'Unione piu' che un mero esecutore e un blando controllore.
E in effetti l'Unione Europea, proprio per questi motivi - per il deficit che ha il Parlamento nell'adozione delle decisioni - non puo' essere considerata una Democrazia, almeno non in senso compiuto. In buona sostanza, comandano i Commissari non eletti da nessuno...e una Banca - la BCE - retta da tecnocrati eletti altrettanto da nessuno, i quali per giunta creano i loro debiti (anzi i loro crediti) praticamente dal nulla.
Purtroppo, quindi, il Parlamento Europeo con i suoi 751 deputati - contando ben poco, ripeto - si e' rivelato l'ennesima mangiatoia politica dove - almeno nel caso italiano - vengono spesso riciclati i nomi dei trombati alle politiche nazionali.
In tasca all'eurodeputato, possono arrivare fino a 18 mila euro al mese, il che, in cinque anni di legislatura, porta a un milione e 70 mila euro. Secondo il portale preisvergleich.de gli eletti di Strasburgo costano ai contribuenti quasi 214 mila euro annui. Lo stesso portale racconta che in paesi come Bulgaria, Lettonia, Polonia, Lituania, Romania, diventare eurodeputati e' diventare dei veri e propri paperoni, dato che un eurodeputato bulgaro guadagna il 2051% in piu' del suo elettore, mentre quello rumeno il 1861% in piu'.
L'indennita' parlamentare mensile - media - dell'eurodeputato nel 2011 (ultimo anno in cui e' stata resa nota) ammontava a quasi 8000 euro di stipendio, piu' 4300 euro di diaria. Quest'ultima, fino a qualche anno fa, era completamente senza controllo, nel senso che si poteva incassare 1500 euro circa a settimana a prescindere dal volo low cost o del viaggio stipato in macchina.
Ma oltre a questo, ci sono altri rimborsi - massimo 4.243 euro all'anno - per viaggi di lavoro in un altro paese dell'Unione e comunque per un massimo di 24 viaggi andata e ritorno.
Ogni volta che gli eurodeputati si fanno vedere in Parlamento - che, a proposito, ha 3 sedi, Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo - intascano un'indennita' di soggiorno di 304 euro (dal momento in cui firmano). Una prassi ben consolidata - e non solo italiana, per fortuna! - e' quella di arrivare all'ultimo minuto del primo giorno di seduta... e andarsene il primo minuto del giorno dopo, cosi' da incassare il doppio dell'importo ovvero 608 euro.
Roba triste, ma parliamo di politicanti avidi e corrotti: per fortuna non tutti lo fanno.
Dulcis in fundo, bisogna registrare che il bilancio del Parlamento Europeo per il 2014 ammonta a 1.756 miliardi di euro, e di questi ben il 35% e' destinato alle spese del personale dipendente - ovvero ai 6000 dipendenti fissi piu' i gruppi politici piu' gli interpreti.
Insomma, gli eurodeputati senza ombra di dubbio restano dei privilegiati, il che, visto il loro ruolo decisamente "zoppo" nella democrazia europea, non ci conforta minimamente.
C'e' pero' da chiedersi: ma i banchieri creatori dell'euro - i prestigiatori in sostanza di tutto il sistema - quanto guadagneranno dato che sono loro stessi a farsi gli stipendi?

Fonte dati: Fatto Quotidiano.




...

Gabriele Sannino
Privacy
Sito web ottimizzato per IE 8 - Realizzato da Soluzione Programmata-