sito ufficiale
Gabriele Sannino
BIOGRAFIA LIBRI ORDINA IL TUO LIBRO VIDEO ARTICOLI EVENTI FOTO CONTATTI
STAMPA
L'acqua e i suoi stupefacenti simbolismi



L'acqua e' la base della vita su questo Pianeta, ed e' presente in qualsiasi forma di vita, minerale, vegetale e animale.
Anche noi siamo fatti di acqua.
Il termine acqua deriva dal latino Aqua, che significa "succo" o "lacrima".
I filosofi greci Talete, Esiodo e Milete definivano l'acqua "Il principio di ogni cosa", nonche' "Il piu' antico e possente tra gli elementi", dato che inghiotte la terra, spegne il fuoco e si eleva nell'aria.
Gli antichi collegavano l'acqua alla luna: non a caso, il nostro astro e' responsabile delle alte e basse maree sul Pianeta.
La luna pero' rappresenta anche il dualismo - caratteristica che impregna ogni cosa qui sulla Terra - visto che ha una faccia luminosa e una nascosta.
Insomma, dato che l'acqua puo' rinfrescarci, dissetarci, tenerci in vita ma anche ucciderci, ecco che il dualismo - anche in questo caso - diventa davvero lampante.
Il filosofo Telmo Pievani affermava infatti che la natura umana e' duplice proprio come l'acqua.
Il fatto e' che l'acqua - in un certo senso - si comporta esattamente come noi: se soffocata o repressa, puo' esplodere seminando morte e distruzione.
Essa, nel suo fluire, rappresenta invece dinamismo, fluidita': deve pero' essere sempre in moto, proprio per trattenere queste caratteristiche.
Quando invece l'acqua si fa stagnante, si formano fanghi e paludi: quest'ultima soprattutto e' simbolo di un qualcosa che ci avviluppa e impedisce un cambiamento, magari necessario.
Si dira' che i fanghi per molti hanno anche un'azione positiva e di benessere: ebbene si', se l'acqua stantia si riempie di terra e microrganismi (insomma si arricchisce in un certo senso) anche in questo caso il benessere puo' essere a portata di mano.
Per quanto riguarda il moto dell'acqua, esso non solo deve essere scorrevole ma non deve mai tornare su se stesso: in questo caso, infatti, si formano dei gorghi, in cui, in teoria, si puo' perfino affogare.
Anche qui la metafora e' chiara.
Il simbolismo dell'acqua, in generale, richiama concetti come trasparenza, purezza e fertilita': essa e' presente in tutte le religioni e correnti misteriche, sia come principio cosmogonico sia come elemento purificatorio.
L'acqua infatti e' qualcosa che lava e trasforma: pensiamo ad esempio al rito del battesimo, che da sempre e' piu' che altro un auspicio.
Un'altra caratteristica dell'acqua e' il colore: essa viene definita incolore, ma anche blu.
Ogni contadino che conosce l'alta montagna sa, per esempio, che le montagne di neve accumulata cambiano colore proprio dal bianco al blu... a seconda dei venti.
Un'ultima caratteristica dell'acqua - a mio avviso la piu' importante - e' che ci ricorda in ogni istante la multimensionalita' del Tutto cio' che e', compresa quella della nostra vita: essa puo' essere solida, ma anche liquida e infine divenire aeriforme, per poi tornare nuovamente allo stato di liquidita' e solidita'.
L'acqua e' vita, e ci ricorda che la nostra esistenza non esiste solo qui... e in questa forma.





Fonte Immagini: Google. ...

Gabriele Sannino
Privacy
Sito web ottimizzato per IE 8 - Realizzato da Soluzione Programmata-